VIAGGI: Perugia e Assisi, Italia

L’Umbria, il cuore verde del Paese, è stata più volte meta delle mie vacanze, da quando – decisamente più giovane di ora – venivo scarrozzato in giro dai miei genitori. Le due celebri città sono tra le poche che ho visitato in due periodi diversi della mia vita, oltretutto in due diverse stagioni: estate e inverno.

Piazza IV novembre al termine della bolgia di cui vi parlo sotto.
Continua a leggere
Pubblicato in Viaggi | Contrassegnato , , | 2 commenti

VIAGGI: Arlon, Belgio

La tappa di oggi è una di quelle che – mi azzardo a dire – raramente viene presa in considerazione dai turisti. Io stesso ci ho fatto un salto solamente perché è strategicamente posta tra Lussemburgo e Belgio. È il più piccolo capoluogo di provincia belga e, forse perché non mi aspettavo granché, alla fine mi è piaciuto.

Arlon 1

Saint-Donat.

Continua a leggere

Pubblicato in Viaggi | Contrassegnato , | 2 commenti

LIBRI: Beowulf

Se ultimamente ho parlato di opere epiche non proprio note o imprescindibili, mi rifaccio tornando a occuparmi di un testo che, invece, rientra nell’elenco dei più significativi nel suo genere.
Beowulf – scritto in una variante dell’antico inglese e risalente all’VIII secolo – è uno dei testi più importanti della letteratura britannica. A volte si tende a scordarlo, dal momento che la narrativa inglese (e scozzese) ha prodotto molti famosi autori di romanzi in epoca contemporanea, ma il poema riemerge di tanto in tanto con il peso della sua vetustà e con i suoi valori archetipici, alla base della narrativa successiva.
Forse lo conoscete per alcune trasposizioni cinematografiche, l’interesse nutrito da Tolkien o altri riferimenti moderni.

Continua a leggere
Pubblicato in Libri | Contrassegnato , | 11 commenti

VIAGGI: Dinant, Belgio

Bentornati a una nuova tappa belga! Dinant è una piccola città ad appena 30 km da Namur, nella cui provincia ricade.
Ve ne parlo sostanzialmente per due motivi. Il primo è che, ovviamente, l’ho visitata (non parlo mai di luoghi che non ho visto personalmente), il secondo è che è celebre per la sua skyline pittoresca. Adagiata sul fiume Mosa, è spesso meta di orde di turisti desiderosi di immortalare le sue case colorate che si specchiano sulle acque, con la Collegiata a spiccare con il suo campanile a bulbo.

Dinant (2)

Questo è grosso modo lo scorcio che vi propinano in ogni sito che parli di Dinant. Magari con un cielo e un fiume più azzurri ma, come ho detto la volta scorsa, le ferie le ho avute a gennaio, quindi ho preso quello che offre il clima in questo mese.

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | 1 commento

LIBRI: Storia del West #5

Bentornati! Era da tempo che trascuravo di leggere un po’ di saggistica storica, così ho deciso di riprenderla e, negli ultimi mesi, mi sono dedicato (anche) a uno dei temi che più mi affascinano. Vi propongo qui alcuni libri in merito, nel caso vi capitino tra le mani… magari averne sentito parlare vi invoglierà a leggerli!

Storia west 02Le tribù indiane del sud-est e del sud-ovest
di Michael G. Johnson, 2015, LEG edizioni
Volume abbastanza corto ma ricco di illustrazioni che accompagnano piacevolmente la lettura. Come si può evincere dal titolo, viene mostrata la storia e – soprattutto – la cultura degli indiani americani che vivevano in due specifiche zone degli attuali Stati Uniti. L’ho trovato interessante perché, oltre a mostrare le caratteristiche che abitualmente si trovano in opere di questo tipo, si sofferma anche su particolari culturali meno trattati. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , | 4 commenti

VIAGGI: Namur, Belgio

Namur (Namen in olandese) è la capitale della Vallonia, una delle tre divisioni amministrative di primo grado del Belgio. Nello specifico, è quella francofona. Nota perlopiù per le sue birre, ha anche qualcos’altro da offrire.

Namur (1)

La cittadella.

Continua a leggere

Pubblicato in Viaggi | Contrassegnato , | 9 commenti

LIBRI: Fugitive Anne

di Rosa Caroline Praed

Praed 01Molto bene, molto bene! Dopo avervi parlato di uno dei più celebri romanzi australiani, posso tornare a rimestare in ciò che mi si confà di più: le opere misconosciute.
Fugitive Anne: A Romance of the Unexplored Bush (1903) è un libro che ho scelto di leggere per il suo essere “anomalo”. Si tratta di quello che definirei un romanzo d’avventura pulp, sul livello di quelli che si trovavano all’epoca sui giornaletti. Ha però la particolarità di essere stato scritto da un’autrice – in genere sono più gli uomini a sbizzarrirsi in queste produzioni di vasto consumo ma modesta qualità – e per di più australiana. Come se non bastasse, il riassunto prometteva la presenza del tema del lost world, ovvero di una civiltà perduta, generalmente scoperte in Africa, America o Asia… non certo in Australia. Una combo che non poteva che spingermi ad affrontare il romanzo. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , , , | 3 commenti

VIAGGI: Moher e Kinvara, Irlanda

Concludo la mia rassegna irlandese con uno dei luoghi-simbolo del Paese, le scogliere di Moher. Situate lungo la costa Ovest, si trovano in una zona ricca di piccoli villaggi, ma lontana dalle principali città; l’eccezione più significativa è Limerick, a circa 80 km. Nondimeno, sono numerosi i tour che si propongono di portare qui i turisti da ogni angolo dell’isola, quindi non dovreste avere troppe difficoltà ad arrivarci, anche se non disponete di un’auto. Diverso è il discorso se contate di fare affidamento sui mezzi pubblici che, come ebbi già modo di dire, lasciano molto a desiderare.

Acallam na Senorach 02

Dai che questo scorcio l’avete già visto.

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | 6 commenti

LIBRI: Opere di L. Frank Baum “Oz-related”

Oggi voglio postare un articolo riguardante librini che non credo possano realmente interessare (meno del solito, intendo). Lo faccio soprattutto per due motivi: completezza e aiutare me stesso a ricordare le mie impressioni di lettura. Si tratta delle opere scritte da L. Frank Baum, autore del mondo di Oz, che hanno un qualche collegamento con il luogo fantastico più celebre dell’autore. Oz, infatti, si colloca all’interno di un “universo condiviso” emerso più o meno studiatamente dalla penna del suo creatore.

Oz-related 01The Magical Monarch of Mo (1899/1903)
Una delle prime opere dell’autore, che inizialmente l’aveva titolata in maniera diversa. Nel 1903, tuttavia, sfruttando la fama di The Wonderful Wizard of Oz, decise di usare un’accattivante allitterazione anche per il libro precedente. Il titolo completo è The Surprising Adventures of the Magical Monarch of Mo and His People. Ciò premesso, com’è la storia? A dirla tutta, è difficile parlare di una vera e propria trama, data la sua natura molto episodica. In ogni capitolo assistiamo a una differente vicenda e alle avventure di un nuovo personaggio, pur restando centrale la figura del monarca. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , | 3 commenti

DELIRI GENERICI: Siamo di nuovo in periodo natalizio… appunti sparsi

Quest’oggi, dal momento che siamo a ridosso delle festività, non vi tedio con libri, viaggi o robe così. Mi limito a farvi gli auguri e a sperare, come credo tutti, in un periodo migliore.
Si è trattato di un anno particolare – per dirla con un eufemismo. Per fortuna le pandemie non avvengono con una grande frequenza, ma quella che stiamo ancora vivendo ha causato parecchi fastidi – se è andata bene – e vere e proprie tragedie – che non mi hanno toccato personalmente, ma che non voglio dimenticare.

Al momento sto dedicandomi a un nuovo libro, anzi due. Temo per voi che vi farò sapere qualcosa in futuro.
Su un altro fronte, nonostante tutto, nel 2020 sono riuscito a fare due viaggi “importanti” e qualche weekend fuori porta. La prima vacanza all’estero l’ho compiuta a gennaio. Ero indeciso se partire con un clima così inclemente ma, con il senno di poi, meno male che ho raccolto il coraggio. Davvero ogni lasciata è persa! Vi parlerò del mio gironzolare in gennaio, con solo un annetto di ritardo, perché… sono fatto così. Continuerò a torturarvi con i miei reportage di varie location, nella speranza che – al termine – saremo già arrivati alla fase dello scampato pericolo e le cose si saranno (almeno un po’) normalizzate.

Se le feste non sono solo cibo e regali – e le baldorie quest’anno saranno a un livello piuttosto basso rispetto agli standard a cui siamo abituati – ma anche riflessione, be’… credo che possiamo provare a sentirci tutti un po’ più vicini e a farci coraggio con le piccole soddisfazioni.
Un blog è anche questo, no? Una piccola soddisfazione, una valvola di sfogo, un modo per dimenticare temporaneamente le brutture della vita. Quindi, mi ritroverete a parlare di libri, film e anche viaggi. Per chi avrà la pazienza di seguirmi, ovviamente. Per gli altri, nutro solo disprezzo. Ah, come mi sento più buono, sotto Natale!

Auguri ancora!

Becera pubblicità per nulla occulta.
Compratelo! –> https://www.amazon.it/dp/B08MZTHDM2

Pubblicato in Deliri generici | 3 commenti