LIBRI: Winnetou

di Karl May

May 01Winnetou è il nome di un capo indiano apache creato da Karl May (1842-1912), forse il più popolare autore tedesco di romanzi d’avventura per ragazzi. Ambientati nel West della seconda metà dell’Ottocento, i libri incentrati su Winnetou furono numerosi ed ebbero notevole successo. Furono anche adattati in film ispirati piuttosto liberamente ad essi.
Il primo di questi libri (1875, pesantemente riscritto nel 1878) è narrato dal punto di vista di Old Shatterhand: è un giovane tenderfoot dell’Est, giunto oltre il Missouri per svolgere dei rilievi per conto di una compagnia ferroviaria. Imparerà molto presto ad adattarsi alla vita rude nel West e, grazie al suo acume e alla sua forza fisica, acquisirà un proprio soprannome, indice di fama. Si narra del suo primo incontro con Winnetou e di come, da eventi tragici e numerose peripezie, nasca tra loro un’amicizia indissolubile. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , | 1 commento

FILM: 3 western musical che meritano

Rieccomi con un altro sotto-genere del western, che questa volta nasce dalla commistione con il musical. Invero non sono stati realizzati molti prodotti che fossero una fusione di questi generi, ma dato che comunque esistono ve ne propongo una selezione.

Musical western 01Sette spose per sette fratelli
Seven Brides for Seven Brothers, 1954, Stati Uniti, regia di Stanley Donen
Sono abbastanza sicuro che questo sia il titolo più celebre dei tre che vi propongo oggi. Non è difficile che siate incappati in questa pellicola durante la programmazione invernale, quando vengono proposti filmetti a volte datati per scaldare il cuore e staccare il cervello. Be’, direi che SSPSF rientra abbastanza bene in questa descrizione. Mescolata ad una buona dose di commedia – dovuta più alla ridicolezza della vicenda e al modo di fare dei personaggi che alle battute in sé – e condita con frequenti canzoncine di dubbia qualità, questa pellicola ci riporta nell’Oregon di metà Ottocento. Continua a leggere

Pubblicato in Film | Contrassegnato , , | 7 commenti

LIBRI : Kalevipoeg

di Friedrich Reinhold Kreutzwald

Kalevipoeg 01Bentornati!
L’opera con cui vi annoio oggi è il poema nazionale estone, pubblicato nel 1857. Pur attingendo alle leggende e alla cultura secolare dell’Estonia, il libro è il prodotto piuttosto recente di un singolo autore. Ci sono anche ispirazioni e riferimenti al Kalevala finlandese, ma si tratta di un poema indipendente.

In Italia penso sia pressoché introvabile (perlomeno a prezzi e con circuiti normali), senza dubbio non è mai stato pubblicato in edizione integrale. Anche in inglese mi risulta  irraggiungibile e gli unici modi che avevo per approcciarlo erano sostanzialmente due: un’edizione in prosa e riassunta in spagnolo o una (sembra) integrale in francese. Per ora ho optato per la prima scelta, vedremo se in futuro oserò cimentarmi con la seconda, dal momento che non conosco così bene il francese.
In ogni caso, l’edizione spagnola è curata, con tanto di figure, e il suo essere una manipolazione non risulta troppo pesante o fastidioso. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , | Lascia un commento

FILM: 3 western fantasy che meritano

Come per lo sci-fi western, anche in questo caso è difficile parlare di film davvero meritevoli, dato che in generale – ma non sempre – possono al massimo ambire ad essere trashate divertenti. Qui ho cercato di proporne anche qualcuno che vada oltre. Uno dei miei preferiti, però, rimane il fiabesco Le 7 facce del Dr. Lao, cui ho addirittura dedicato un post singolo anni fa.

Fantasy western 01La valle dei disperati
The Beast of Hollow Mountain, 1956, Stati Uniti/Messico, regia di Edward Nassour e Ismael Rodriguez
Ok, questo è un film trash. Se non per l’argomento, perlomeno per la qualità tecnica e per i mezzi a disposizione. Eppure rientra, per me, in quella categoria di prodotti così scarsi da giungere ad essere belli: una perla. Non fidatevi dei votacci su internet. O meglio, fidatevi anche, ma è evidente che chi li ha dati non è stato in grado di andare oltre la bruttezza oggettiva per trovare il capolavoro incompreso. Continua a leggere

Pubblicato in Film | Contrassegnato , , | 7 commenti

LIBRI: I Robinson della Guiana

di Louis-Henri Boussenard

Boussenard 01Boussenard (1847-1910) fu un prolifico autore francese di feuilleton, celebre per i suoi romanzi d’avventura. Questo genere era da lui tanto bazzicato, da aver ricevuto l’epiteto di “Rider Haggard francese”, non necessariamente con una connotazione positiva. Spesso, infatti, è stato ritenuto un emulo o una brutta versione dello scrittore britannico, o di altri come Verne o Salgari.

Le Robinsons de la Guyane (1882) è ambientato, come si può intuire, nella Guyana francese. Con un incipit che ricorda Papillon, il protagonista fugge da un carcere e tenta di evitare le grinfie della legge nascondendosi nella foresta. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , | Lascia un commento

FILM: 3 western romantici che meritano

Ciao! Oggi vi propongo un’altra commistione di generi… Non è raro che nel western vengano inserite storie d’amore e molto spesso i rudi machi si contendono la bella di turno. Ci sono però alcuni titoli nei quali la relazione tra due personaggi è il tema centrale, e i sentimenti sono più rilevanti delle scazzottate per ottenerli.

Romance western 01L’ispiratrice
The Great Man’s Lady, 1942, Stati Uniti, regia di William A. Wellman
Una donna ultracentenaria (Barbara Stanwyck) ricorda il suo passato accanto all’uomo che ha amato profondamente (Joel McCrea), quando insieme hanno sfidato la difficile vita di frontiera fondando una città. Già dal titolo originale si coglie l’ambiguità della vicenda: la donna parla del marito defunto come di un grande uomo – e in un certo senso lo è pure stato – ma appare sempre più evidente con la narrazione che non era certo l’unico “grande” in famiglia, che ha reso possibile tutto. Continua a leggere

Pubblicato in Film | Contrassegnato , , | 4 commenti

LIBRI: Shakespeare, l’autore di poemi

Il più noto scrittore inglese è celebre soprattutto per le sue opere teatrali, drammi in primis. In seconda battuta, ci si ricorda che ha composto anche varie poesie, in particolare sonetti. Solo scavando un po’ si arriva a considerarlo come autore di poemi epico-narrativi. Eppure, quando pubblicò il primo di questi, esso vendette più delle opere teatrali già edite e tali componimenti vennero elogiati dalla critica e apprezzati dal pubblico. Non è chiaro come siano passati in sordina, ma questo non ne inficia i pregi, perciò ho deciso di parlarvene.

Shakespeare 01Venere e Adone (Venus and Adonis, 1593)
Ispirato a vicende narrate nelle Metamorfosi di Ovidio, riporta la storia dell’innamoramento di Venere per il bel giovane Adone. Ho apprezzato la scelta dell’autore di discostarsi dalle immagini classiche di questi personaggi per fornircene una versione originale e “personale”. Venere è, a tutti gli effetti, una ninfomane arrapata. Buona parte dei 1.194 versi vedono la dea intenta a cercare di sedurre il ragazzo, promettendogli tutta una serie di piaceri sessuali ed elemosinando… be’, sì, una scopata. Continua a leggere

Pubblicato in Libri | Contrassegnato , , | 1 commento