VIAGGI: Riga, Lettonia

Per una serie di motivi e coincidenze, mi sono tenuto il viaggio in Lettonia come ultimo tra quelli nelle repubbliche baltiche. Premetto che una serie di eventi sfavorevoli hanno giocato contro un mio pieno apprezzamento della vacanza (niente di grave, comunque!). Mi sento in dovere di dirlo perché il Paese è incolpevole di tutto ciò, ma io inevitabilmente non posso non collegare quegli eventi al viaggio. Ad ogni modo, vi parlerò di questo Paese in tre articoli. Forse sto solo allungando la broda, ma tant’è che preferisco fare così. Partiamo quindi con la capitale.

SAM_9890

La Piccola Gilda, sede di corporazioni

Elementi positivi
+ Si gira bene a piedi e non è molto estesa, almeno per quanto riguarda la zona di interesse turistico; chiaramente, se siete molto pigri o debolucci, potreste avere qualche difficoltà a raggiungere i luoghi di interesse non nell’immediata cerchia attorno al municipio, ma si tratta in ogni caso di distanze non insormontabili
+ Si trovano elementi di varie epoche ed eventi nella Storia del Paese: la lega anseatica, i cavalieri teutonici, il comunismo…
+ Non ci sono musei particolarmente significativi, ma è bello limitarsi a passeggiare e ammirare l’architettura della città; da questo punto di vista, la zona più famosa è senza dubbio quella caratterizzata da numerosi edifici in stile art noveau
+ Il costo della vita non è troppo elevato, quindi ci si può soggiornare senza spendere un capitale
+ Nonostante la cucina locale (v. sotto), ho apprezzato alcune curiosità gastronomiche come l’hamburger di cervo e la bevanda (non alcolica) al malto

Elementi negativi
– Fa abbastanza freschino rispetto a dove vivo io e sono un amante del caldo, quindi…
– La cucina locale è stata deludente: i loro piselli grigi, le loro salsicce e la loro zuppa di pane non sono stati quella gustosa prelibatezza che l’internet mi aveva promesso; curioso, perché negli altri Paesi baltici ritengo di aver mangiato bene

SAM_0250

La Casa delle Teste Nere, con la statua di Rolando davanti

Momenti memorabili del viaggio
* Venire interpellati da un tizio dai tratti asiatici che chiede una foto accanto alla statua di Ulugh Beg, nipote di Tamerlano e celebre astronomo; il tipo spiega che si tratta di un personaggio famoso del suo Paese (evidentemente l’Uzbekistan) e che non avrebbe mai immaginato di ritrovarlo a Riga; subito mi affretto a realizzare il suo sogno di essere immortalato con siffatto eroe nazionale, appoggiando guida e macchina fotografica per terra con una certa imprudenza; lui subito si scusa, mi dice di non lasciare lì la mia roba; ma io replico “Non temere! Pensa solo a portare con te il ricordo di questo pezzo di terra natia in suolo straniero, dolce discendente delle steppe!”; ok, forse non è andata proprio in maniera così enfatica, ma il senso è questo
* Ignorare un mendicante in evidente stato di alterazione dovuta a sostanze psicotrope e venire poi bloccato da un suo compare strabico, che non ha intenzione di lasciarmi procedere; essere indeciso su come reagire, dal momento che aggredendolo rischierei di passare dalla parte del torto; ricevere soccorso da due abitanti del posto, che intimano al tizio di non rompere le palle e vedere che quello li segue minaccioso per un po’, per poi andarsene; provare disagio, ma uscirne illesi

Nei dintorni
> La Lettonia è piuttosto ben connessa da un valido servizio di autobus e treni, che consentono di raggiungere svariate località in tempi relativamente brevi; prossimamente, vi narrerò di alcune di queste esplorazioni

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Viaggi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a VIAGGI: Riga, Lettonia

  1. Vincenzo ha detto:

    Ah ah l’uzbeko😂 che poi quelli che chiedono una foto spiegandoti perché la vogliono mi sono sempre stati simpatici

    Piace a 1 persona

  2. Pensa che due giorni fa sono stata proprio sul punto di prenotare un volo per Riga! Ma poi nonostante le promessi di prezzi stracciati nelle email di Air Baltic, non ho trovato biglietti a prezzi decenti… e ho scelto un’altra destinazione.
    L’incontro con l’uzbeko mi ha fatto morire 😂
    Aspetto le prossime “puntate” del viaggio!

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: VIAGGI: Jelgava e Jūrmala, Lettonia | Delirium Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.