LIBRI: Gli intrattenimenti delle notti sull’isola

di Robert Louis Stevenson

StevensonIsland Nights’ Entertainments (pubblicato nel 1893) è una raccolta di tre racconti ambientati nelle isole del Pacifico, tanto care allo scrittore. Quando ero piccolo avevo letto un racconto che mi aveva colpito, ma di cui non ricordavo né il titolo né l’autore. Cercando sull’internet ho scoperto che si trattava di “Il diavolo nella bottiglia”, che a sua volta fa parte di questa raccolta… Così ho deciso di leggerla tutta.
Dello stesso autore avevo già affrontato, sempre da piccolo, L’isola del tesoro (che mi era piaciuto) e, più di recente, Lo strano caso del Dottor Jeckyll e del Signor Hyde (che non mi era piaciuto). Quindi questa terza opera era, almeno parzialmente, una sorpresa.

La spiaggia di Falesà (The Beach of Falesa) è il primo e più lungo dei tre racconti. Parla di un commerciante destinato dalla sua compagnia ad un avamposto in un’isola del Pacifico. Qui trova moglie e si trova a suo agio… almeno all’inizio, fino a quando non scopre oscure trame che si muovono silenziose in quell’idillio tropicale. Storia avvincente e scritta con un linguaggio semplice e colloquiale, che riesce ad avvincere grazie alla semplicità del suo protagonista e alle atmosfere esotiche.

Il diavolo nella bottiglia (The Bottle Imp) si conferma, dopo tanti anni, una lettura interessante e molto valida, anche se credo che a suo tempo ne lessi una versione “semplificata”. La vicenda riguarda un nativo delle Hawaii che entra in possesso di una bottiglia in cui vive un demone, che esaudisce qualunque desiderio (tranne prolungare la vita); il prezzo da pagare è che se si muore in possesso della bottiglia, si finirà all’inferno, e l’unico modo per sbarazzarsene è venderla ad un prezzo inferiore a quello a cui la si è acquistata. Davvero ben congegnato il susseguirsi degli eventi, con trovate interessanti per aumentare il divertimento e la suspense.

L’isola delle voci (The Isle of Voices) è anch’esso ambientato perlopiù alle Hawaii e riguarda il conflitto tra un uomo e suo suocero, che è uno stregone. Il più fantastico dei tre racconti e, per me, quello meno riuscito, proprio forse per via di questo aspetto. Si tratta comunque di una lettura spedita e rilassante, che difficilmente potrà annoiare.

Complessivamente, quindi, consiglio questa raccolta che, essendo oltretutto breve, non occuperà troppo del vostro tempo, ma vi permetterà di immergervi in quelle atmosfere lontane che Stevenson ben conosceva.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a LIBRI: Gli intrattenimenti delle notti sull’isola

  1. benny ha detto:

    Il diavolo nella bottiglia lo ho in inglese in una raccolta che comprende anche Il club dei suicidi. Grazie per la segnalazione: darò un’occhiata alle altre storie.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.