LIBRI: La materia di Britannia – Goffredo di Monmouth

Riprendo la mia passione per la materia di Britannia, i testi che parlano della figura di re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda, per affrontare quello che è probabilmente il mio autore preferito tra quelli classici che hanno scritto del leggendario sovrano: Goffredo di Monmouth.

Questo scrittore nacque nel XII secolo, studiò a Oxford e fu vescovo in Galles, suo luogo di origine. Amante della cultura celtica e del passato del suo popolo, si dedicò a narrare le gesta eroiche di chi si oppose all’invasore sassone. Perché mi piace più degli altri? Ve lo spiego, e magari vi influenzo pure un pochino, ahivoi.

Britannia 07Storia dei re di Britannia (Historia Regum Britanniae, 1136-1147)
In questo testo Goffredo tenta di fare quello che Virgilio fece per Roma, ovvero assegnare un passato mitologico ed eroico all’isola di Britannia, risalendo addirittura a dei reduci troiani, proprio come fece il poeta latino. Nonostante una simile storia sia a dir poco inverosimile, l’operazione di Goffredo risulta stimolante in quanto cerca di ricostruire quanto accaduto sull’isola dalle origini fino all’alto Medioevo. Personaggi di pura fantasia o con qualche radice nella tradizione preesistente si susseguono fino ai più noti, ovvero Uther Pendragon e suo figlio Artù. Il passaggio dalla celticità alla romanità è ben analizzato, così come il successivo ricadere nella barbarie. Tocca ad Artù preservare le vestigia di un regno ormai morto e riportare l’isola ai fasti del passato. E lo fa, forse perfino troppo, come quando sfida anacronisticamente l’impero romano, lo vince, e si annette la Gallia. Mah… Al di là di queste esagerazioni, non si può non apprezzare come il poeta abbia fuso materiale più antico aggiungendoci del suo. La parte più interessante è però, a mio avviso, quella successiva, nella quale si “scopre” cosa accadde dopo la morte di Artù. Quasi tutti i testi della materia, infatti, si concludono prima o al limite poco dopo tale evento. Risulta dunque piacevole scoprire che qualcuno si è prodigato nel narrarci le vicende successive. In quanti, ad esempio, saprebbero nominare il successore di Artù al trono?

Britannia 08La vita di Merlino (Vita Merlini, 1148-1150)
Merlino era stato già protagonista della Prophetia Merlini, in seguito accorpata nella Storia dei re di Britannia. Qui Goffredo lo riprende, per narrarci di cosa accadde al celebre stregone alla morte di Artù. L’autore probabilmente fuse le leggende su due figure differenti – non si spiegherebbe altrimenti l’incredibile longevità del protagonista, se non con uno sbrigativo “del resto è un mago, ci sta che viva più del normale”. Il titolo dell’edizione italiana, la cui copertina è qui accanto, è dovuto al fatto che l’opera narra appunto di Merlino che impazzisce durante una battaglia e si ritira nei boschi, dove vive come un selvaggio. L’opera, decisamente più breve della precedente, ne è in un certo senso il seguito, e fa chiarezza sul destino di uno dei personaggi più noti della materia di Britannia. Lo stile è accattivante e la lettura non risulta tediosa.

Per chi fosse interessato ad altra roba su Artù, qui parlo di Chrétien de Troyes.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.