LIBRI: La materia di Britannia – Chrétien de Troyes

Britannia 01

La materia di Britannia è l’inseme di testi scritti nel corso di secoli (indicativamente tra il X e il XV) che trattano le vicende di Re Artù e dei suoi cavalieri. Argomento molto amato ancora oggi, tanto da essere riproposto in film, fumetti, giochi… lo apprezzo personalmente più per i suoi testi originali che per i rimaneggiamenti successivi (anche se alcune riproposizioni nel XIX secolo sono apprezzabili, come quella di cui ho scritto qui). Oggi voglio parlarvi di quello che è probabilmente il più importante autore di questa “materia”: Chrétien de Troyes.

Considerato da alcuni critici il più importante poeta medievale prima di Dante (e citato da quest’ultimo), Chrétien visse in Francia, per la precisione alla corte di Eleonora d’Aquitania, madre del futuro Riccardo Cuor di Leone. Fine conoscitore delle leggende britanniche, ne elaborò una propria versione particolarmente raffinata dal punto di vista letterario e che fece storia per quanto riguarda la caratterizzazione di alcuni personaggi. In un modo o nell’altro, tutti gli autori successivi si sono rifatti a lui.

Cinque sono i poemi cavallereschi che gli sono attribuiti.Britannia 02

Erec et Enide (Erec e Enide) narra le vicende dei due personaggi che danno il titolo all’opera, innamorati l’uno dell’altra. Erec è un cavaliere della Tavola Rotonda e il suo amore per la damigella a quanto pare mal si concilia con le prodezze che ci si aspetterebbe da lui, che viene visto dai “colleghi” come eccessivamente distratto dalle grazie della fanciulla e non più valoroso come un tempo. Tutta la storia ruota attorno a questo contrasto e alla possibilità di una conciliazione tra i due valori. La storia non è tra le più avvincenti di Troyes, e può forse risultare tediosa nei suoi continui giochi e dialoghi tra innamorati, ma è probabilmente quella che affronta con maggiore raffinatezza i temi dei valori cavallereschi e dell’amore cortese.

Britannia 03

Cligès (id.) si compone di due parti: la prima è una narrazione del modo in cui i genitori del protagonista si sono incontrati; la seconda verte su Cligès stesso. Nipote dell’imperatore bizantino, è innamorato della moglie dell’attuale sovrano, suo zio. Per distrarsi da questo dilemma, si reca da Artù dove è fatto cavaliere e compie prodezze (come fece a suo tempo suo padre). Le similitudini con la vicenda di Tristano e Isotta sono palesi, ma Chrétien scelse un finale diverso per i due amanti. Tra i personaggi di cui cantò il poeta, Cligès è quasi certamente il meno noto, nonostante il suo background interessante.

Yvain il cavaliere del leone (Yvain, le Chevalier du Lion)
Al terzo tentativo, Chrétien riesce ad occuparsi di uno dei personaggi che saranno capisaldi dell’epica cavalleresca arturiana. Battute a parte, è innegabile che Ivano sarà in futuro uno dei più famosi paladini di Camelot. Il testo è probabilmente il più bello tra quelli scritti dall’autore ed è sempre divertente vedere un cavaliere che se ne va in giro a chiedere ai villani se per caso hanno “visto delle avventure nei paraggi” (tradotto: “Ho una gran voglia di mettermi nei guai per la gloria e le donne. Dove posso farlo?”). Per riconquistare l’amore della moglie si imbarca in missioni pericolose, domando un leone che lo aiuterà più volte in seguito, da cui il suo soprannome.

Britannia 06

Britannia 04

Lancillotto o il cavaliere della carretta (Lancelot ou le Chevalier à la charrette)
Introducendo uno dei personaggi più travagliati della materia di Britannia, Chrétien si dedica anche al tema dell’amore adultero, piuttosto diffuso in tali testi. Ad essere descritta è solo una vicenda tra le tante che coinvolgono il cavaliere e la regina Ginevra, eppure molti dei tratti caratteristici di altre loro comparse future sono già delineati: sotterfugi, tentativi di discolparsi, disponibilità ad ogni sacrificio ed umiliazione per l’amata. Lancillotto viene infatti chiamato “della carretta” perché costretto, ad un certo punto, a servirsi di tale mezzo di locomozione, ritenuto infamante e meschino. Il romanzo fu lasciato incompleto da Chrétien e venne concluso da Godefroi de Leigni.

Britannia 05

Perceval o il racconto del Graal (Le Roman de Perceval ou le conte du Graal)
In quest’opera viene trattato quello che è uno dei miei temi preferiti dei romanzi arturiani: la ricerca del Graal, oggetto che qui è però ancora abbozzato e non identificabile con il Sacro Graal che avrà tanta fortuna in seguito. Benché non sia la versione che preferisco su tale argomento, esercita comunque su di me un certo fascino. Diversamente dalle opere precedenti, il tema amoroso non è l’unico stimolo delle imprese, ma vi si aggiunge quello religioso. La vicenda del giovane Perceval, orfano del padre e vissuto all’oscuro del mondo al di fuori della sua dimora, così come della cavalleria, sarà ripresa tantissime volte, spesso in opere con lo stesso ragazzo come protagonista. Anche questo romanzo è incompiuto e, sebbene tanti abbiano deciso di completarlo, non ne esiste una conclusione per così dire “ufficiale”.

In conclusione, Chrétien de Troyes può forse risultare un po’ ostico e pedante per un lettore moderno, ma ritengo sia ancora interessante e un valido accompagnamento per le serate invernali (non saprei dire bene perché, ma la materia di Britannia per me si sposa alle festività natalizie o comunque al periodo freddo dell’anno).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Libri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a LIBRI: La materia di Britannia – Chrétien de Troyes

  1. amulius ha detto:

    Al liceo ci fecero leggere un libro a scelta della saga e scelsi (a caso) Yvain. Cresciuto con un libro illustrato su miti e leggende dei cavalieri della tavola rotonda, è stato uno dei libri “obbligati” di cui conservo il ricordo più piacevole.

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: LIBRI: La materia di Britannia – Goffredo di Monmouth | Delirium Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.