TOP10 FILM: Trash è “bello”

Devo ammettere – ma l’ho già fatto ripetutamente – che ho una certa curiosità verso prodottacci a basso budget e contenuto assurdo, tanto da averne parlato ampiamente per quanto riguarda il genere western. Voglio dare qui il via ad una mini-rubrica in cui parlerò di alcuni filmacci di serie Z che mi è capitato di guardare. L’intento è quello di recensire, a partire dal prossimo mercoledì e con cadenza settimanale, un esempio per ogni continente (due per l’Asia, perché è grande e popolosa). Per ora mi limito a darvi un gustoso assaggio raccontandovi di tre cortometraggi rientranti nella categoria. Bene, diamo il via alle risate.

Top 10 trash GayniggersGayniggers from Outer Space (Danimarca, 1992, regia di Morten Lindberg)
Un gruppo di neri omosessuali abitanti del pianeta Anus dà un’occhiata alla situazione sulla Terra e si dispiace nel vedere la condizione di soggiogamento in cui si trovano gli uomini nei confronti delle donne. Questi alieni, dai nomi evocativi come ArmInAss, B. Dick e Shaved Balls, decidono di fare qualcosa per aiutare questi disgraziati. Giunti qui, approcciano tre coppie in cui l’uomo è vessato e disintegrano la donna. Su di loro piovono i ringraziamenti dei poveretti ora liberi. I gayniggers tornano in patria consapevoli della necessità di esportare ovunque il loro modo di vivere, del quale ci viene spiegato il culto basato su evidenti allusioni a falli. Commedia che fa di tutto per essere sbagliata, razzista, omofobica, cerca le critiche femministe in ogni modo, è molto divertente, pur esagerando un po’ nel finale quando si descrive il mondo ideale di questa specie aliena. Va preso per una provocazione e ovviamente non ha alcun senso logico, ma riesce a strappare più di un sorriso. Per inciso, ora è un cult. Durata: 27 minuti.

Top 10 trash Gayniggers 02

Top 10 trash Goodbye 02Good-Bye Elvis and USA (Giappone, 1971, regia di Keiichi Tanaami)
Uno dei più brutti film che abbia mai visto. Consta di un susseguirsi di immagini in stile pop-art che illustrano donne che ricercano il piacere sessuale, intervallate da un coniglio vestito da supereroe che vola verso lo spettatore una ventina di volte. Non mancano forme falliche, alcune volanti che ricordano le pitture maya, poi hot-dog falli, funghi falli, microfoni falli. Di frequente appaiono per brevissimi istanti foto in sovrimpressione di icone americane, come Marlon Brando e lo Zio Sam, ma più di tutti Elvis. Naturalmente è sperimentale, aggettivo dietro al quale in genere si celano più veritiere definizioni come “scarso budget e minimo senso”. Il Giappone è maestro dei film trash, ma questo forse va perfino oltre. Durata: 7 minuti e vi assicuro che dopo due già non vedevo l’ora che finisse, anche così è troppo lungo. Per chi fosse più resistente di me, c’è anche “Good-Bye Marilyn”, dello stesso regista.

Top 10 trash Goodbye 01

Top 10 trash Banana 01Banana Motherfucker (Portogallo/Francia, 2011, regia di Pedro Florencio e Fernando Alle)
Una spedizione giunge nelle foreste del Sudamerica e qui, in un vecchio cimitero, risveglia una terribile maledizione: banane assassine, con una strana predilezione per gli occhi e le chiappe delle vittime (curioso come sia una costante di questa breve introduzione alla mia rubrica…). Dire che è un prodotto casereccio è quasi un complimento. Le riprese sono probabilmente state fatte con una videocamera qualsiasi, a casa di un membro della troupe o al parchetto comunale. La totale mancanza di capacità nel creare effetti speciali fa sì che non si vedano mai banane “in azione”, ma solo sorrette dagli “attori” che fingono di averle conficcate nello stomaco o nel cranio, parti del corpo decorate con generose porzioni di trucco rosso e finte budella che fuoriescono. Tutto qui. Per il resto, solo urla e scene macabre realizzate grossolanamente. La recitazione è inevitabilmente penosa, forse la più riuscita (involontariamente) è quella di uno che urla e corre come una checca. Ammetto, però, che due scene mi hanno fatto sorridere. Questo è vero trash, trash puro, ed è forse l’unico pregio, se così lo si vuole ritenere. Durata: 16 minuti.

Top 10 trash Banana 02

Al prossimo appuntamento, con il primo lungometraggio!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Film, Top10 e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a TOP10 FILM: Trash è “bello”

  1. Gurghi ha detto:

    Oh mamma! Assurdo! 😂 Le immagini e le locandine parlano da sole… Secondo me sei stato anche coraggioso per esserti approcciato a questo ramo di “cultura” cinematografica 😂 Aspetto gli altri con ansia…

    Piace a 1 persona

  2. Pingback: TOP10 FILM: Trash è “bello” – Il film oceaniano | Delirium Corner

  3. Pingback: TOP10 FILM: Trash è “bello” – Il film asiatico #1 | Delirium Corner

  4. Pingback: TOP10 FILM: Trash è “bello” – Il film sudamericano | Delirium Corner

  5. Pingback: TOP10 FILM: Trash è “bello” – Il film africano | Delirium Corner

  6. Pingback: TOP10 FILM: Trash è “bello” – Il film europeo | Delirium Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.